Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un nuovo schiaffo sulla questione Dreamer arriva per Donald Trump da un giudice newyorchese.

KEYSTONE/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

Un secondo giudice boccia Donald Trump sui Dreamer: l'amministrazione non ha offerto 'motivazioni legali adeguate' per mettere fine al programma che tutela i giovani immigrati dalla deportazione.

Il giudice Nicholas Garaufis precisa che Trump ha 'senza dubbio' il potere di mettere fine al Deferred Action for Childhood Arrivals, il Daca, ma si poggia su posizioni legali errate nel farlo.

Garaufis precisa che la sua decisione non vuol dire che rescindere il programma è illegale o che l'amministrazione non ha il potere di farlo. La decisione del giudice di Brooklyn riflette quella di gennaio della corte di San Francisco.

Secondo Garaufis la decisione di mettere fine al Daca si basa esclusivamente sulla conclusione legale che il programma è incostituzionale e viola l'Immigration and Nationality Act. Una conclusione 'che non è corretta'.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS