Navigation

Obama, 300 miliardi per il lavoro

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 settembre 2011 - 16:57
(Keystone-ATS)

Un piano da "diverse centinaia di miliardi", anche 300 miliardi di dollari, per sostenere il mercato del lavoro. Il presidente Barack Obama si appresta a presentare in Congresso nuove misure 'bipartisan' per il rilancio dell'occupazione. Le nuove iniziative più importanti sono - secondo indiscrezioni - l'estensione di un anno per gli sgravi alle imprese e dei sussidi alla disoccupazione.

Le misure saranno finanziate dalla riduzione delle spese in altre aree. Obama chiederà al Congresso di bilanciare il costo delle misure a breve termine per il mercato del lavoro con l'aumento delle entrate fiscali nei prossimi anni, nell'ambito del piano di riduzione del deficit che sarà presentato la prossima settimana alla commissione, prevista dall'accordo sull'aumento del tetto del debito, che dovrà determinare ulteriori tagli alla spesa per 1.500 miliardi di dollari.

Il piano di Obama potrebbe incontrare difficoltà alla Camera. Lo speaker della Camera, John Boehner, e il leader dei repubblicani alla Camera, Eric Cantor, hanno inviato una lettera a Obama evidenziando le loro obiezioni allo stimolo del 2009 che sono state confermate dal persistere dell'alta disoccupazione.

Ecco di seguito, secondo indiscrezioni, il piano di Obama: - 170 miliardi di dollari per l'estensione degli sgravi alle imprese e ai lavoratori e dei sussidi alla disoccupazione. - 30 miliardi di dollari in sgravi fiscali alle imprese che assumono. - 50 miliardi di dollari per i lavori pubblici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?