Navigation

Obesità in gravidanza aumenta rischio autismo

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 aprile 2012 - 17:47
(Keystone-ATS)

L'obesità in gravidanza comporta un maggior rischio di partorire un figlio che soffre di autismo. È quanto risulta da uno studio di ricercatori affiliati all'Uc Davis Mind Institute di Sacramento, in California.

Secondo lo studio, le mamme obese hanno il 67% di possibilità in più di partorire un bambino che soffre di autismo rispetto alle mamme di peso normale, senza diabete o ipertensione, e oltre il 100% in più di avere un bimbo che soffre di altri disordini mentali. La ricerca, pubblicata su Pediatrics, è stata condotta su 1.004 coppie di mamme/bambini.

"Oltre un terzo delle donne americane in età fertile - spiega Paula Krakowiak, una biostatistica affiliata al Mind Institute - sono obese e quasi un decimo hanno, durante la gravidanza, diabete gestazionale o di tipo due. Le conclusioni del nostro studio potrebbero avere serie implicazioni per la salute pubblica".

Si stima che 1 bambino su 110 nati soffra di autismo, una malattia caratterizzata da impedimenti nella relazioni sociali, deficit di comunicazione e che spesso è accompagnata da disabilità mentale.

Lo studio ha anche accertato che i bimbi autistici di madri diabetiche avevano più disabilita - come i deficit nella comprensione linguistica - rispetto ai bambini con autismo nati da donne in salute. Tuttavia, i bimbi non autistici nati da madri diabetiche presentavano maggiori difficoltà nella socializzazione e nella comprensione linguistica rispetto ai bimbi non autistici di madri in salute.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?