Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cresce ancora l'impiego in Svizzera: nel primo trimestre 2014 si contavano infatti 4,192 milioni di occupati, l'1,0% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. L'Ufficio federale di statistica (UST) indica oggi che l'impiego nel settore secondario è salito di 7000 unità (+0,7%) e in quello terziario di 33'000 (+1,1%).

Convertito in equivalenti a tempo pieno, il volume dell'impiego ha raggiunto quota 3,538 milioni (+1,1%) con aumenti sia nel settore secondario (+0,7%) sia nel terziario (+1,3%). Al netto delle variazioni stagionali, l'impiego è cresciuto, rispetto al trimestre precedente, dello 0,3%.

Sulla base dell'andamento dell'indicatore delle prospettive d'impiego (+0,6%) e del numero di posti liberi (+7,5% rispetto all'anno precedente), è previsto un incremento dell'occupazione anche nel prossimo trimestre.

Nel settore secondario, spiega l'UST, si osserva un leggero aumento dell'impiego su base annua per la seconda volta consecutiva. Nei rami "Attività manifatturiere" (+0,3%) l'evoluzione è stata leggermente positiva per la prima volta dal terzo trimestre 2012, mentre nel ramo "Costruzioni" (+1,4%) la tendenza continua a essere al rialzo.

Nel terziario l'andamento dell'occupazione è stato positivo su base annua per la maggior parte dei rami economici. Il miglioramento più significativo è stato registrato nel ramo "Trasporti e comunicazioni" (+2,2%). Il ramo "Attività finanziarie e assicurative" ha invece registrato per la quarta volta consecutiva un lieve calo.

In termini geografici 6 Grandi Regioni su 7 hanno registrato un aumento dell'occupazione su base annua. L'incremento maggiore è stato osservato nella regione del Lemano (+1,9%), mentre nella Svizzera orientale il numero di addetti è rimasto invariato. In Ticino gli occupati erano 183 mila (+0,9% su base annua), di cui 134 mila (+0,5%) nel settore terziario.

Il barometro dell'impiego tiene conto anche delle difficoltà incontrate nel reclutamento di personale qualificato: il relativo indicatore ha segnato nel periodo in rassegna un leggero aumento (30%; +0,7%), sia per il settore secondario (35%; +0,2%) che per il terziario (29%; +0,8%).

SDA-ATS