Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

"Le condizioni del mercato del lavoro sono in miglioramento nei Paesi Ocse ma la ripresa dalla recente crisi economica resta molto disomogenea", e "l'occupazione cresce ancora troppo lentamente per chiudere il divario occupazionale indotto dalla crisi in tempi brevi".

Per questo, "la disoccupazione resterà elevata fino alla fine del 2016", anche se in "graduale riduzione". È quanto prevede l'Ocse nel suo Employment outlook.

"Il mix occupazionale si è spostato verso più lavoro part time e lontano dai posti di lavoro in manifattura e costruzioni, cosa che può rendere più difficile per alcuni trovare lavoro", rileva ancora l'organizzazione, sottolineando anche che la disoccupazione di lungo termine "rimane inaccettabilmente alto, è c'è il rischio che alcuni in questo gruppo si siano disimpegnati dal mercato del lavoro".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS