Navigation

OCSE raccomanda alla Svizzera di alzare l'età di pensionamento

La Svizzera dovrebbe alzare gradualmente l'età pensionabile (immagine simbolica) KEYSTONE/CHRISTOF SCHUERPF sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 04 novembre 2019 - 14:33
(Keystone-ATS)

La Svizzera dovrebbe portare gradualmente l'età di pensionamento a 67 anni. È quanto raccomanda l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nel suo Rapporto 2019 sulla situazione economica della Confederazione, presentato oggi a Berna.

In Svizzera le persone godono sempre di un elevato standard di vita, scrive l'OCSE. La Confederazione può vantare il terzo maggiore prodotto interno lordo (PIL) pro capite. La politica finanziaria è solida e l'indebitamento molto basso. Secondo l'Organizzazione, il margine di manovra fiscale potrebbe essere utilizzato in maniera ancora migliore.

Per l'OCSE, sono inoltre "necessari" adattamenti che tengano conto dell'invecchiamento della popolazione. Innanzitutto l'età pensionabile delle donne dovrebbe essere alzata al livello di quella degli uomini, si legge nel rapporto. Successivamente l'età di pensionamento ordinaria dovrebbe essere portata a 67 anni, tenendo conto dell'accresciuta speranza di vita.

Inoltre, l'OCSE raccomanda di abbassare l'aliquota di conversione minima prescritta dalla Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità (LPP) per il secondo pilastro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.