Navigation

Oggi 50 anni fa la Cina entrava nell'era spaziale, dal nulla

Mao guardò anche al cielo. KEYSTONE/EPA/ROMAN PILIPEY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2020 - 19:15
(Keystone-ATS)

Oggi, cinquant'anni fa, la Cina faceva il suo ingresso nell'era spaziale.

Quest'anno la Giornata per lo Spazio, celebrata in Cina ogni 24 aprile, segna mezzo secolo dal lancio in orbita del satellite artificiale "Dongfanghong-1", il 24 aprile del 1970, che fece della Cina il quinto Paese al mondo a uscire dall'atmosfera terrestre. Una conquista che la Cina dovette fare tutta da sola, dal nulla.

A causa degli effetti dell'epidemia di coronavirus, le celebrazioni di quest'anno si terranno per lo più online. Le istituzioni spaziali e le organizzazioni di divulgazione scientifica cinesi hanno infatti inaugurato una serie di forum e incontri digitali, in cui i ricercatori impegnati nella missione Dongfanghong-1, ormai in gran parte ultra-settantenni, hanno condiviso le proprie storie con il pubblico, raccontando l'indimenticabile impresa compiuta dal Paese ed entrata nella storia dell'esplorazione spaziale.

A metà degli anni '60, in risposta all'appello del presidente Mao Zedong, la Cina avviò la ricerca e lo sviluppo del suo primo satellite e nel 1968 nacque la China Academy of Space Technology (CAST), presieduta da Qian Xuesen, uno dei pionieri dell'industria spaziale cinese. E il satellite fu realizzato in un paio di anni.

Pan Houren, allora vice direttore della squadra responsabile dell'intera fase di progettazione, ricorda che il governo centrale stanziò 200 milioni di yuan per quella missione. "A quei tempi, 200 milioni di yuan non erano una somma facile da reperire".

Nonostante i generosi fondi concessi, i ricercatori spaziali cinesi dovettero affrontare difficoltà enormi, senza alcuna base di tecnologie satellitari, senza elaborazione dati né strutture di collaudo. Il fisico nucleare Deng Jiaxian doveva utilizzare una calcolatrice azionata a manovella. E dovettero fare tutto da soli, visto che i Paesi occidentali avevano isolato la Cina maoista e che persino l'Unione Sovietica aveva rotto i ponti.

"Allora le fondamenta industriali cinesi erano piuttosto fragili e le condizioni della ricerca scientifica piuttosto inadeguate", ha spiegato Pan in occasione di un forum online organizzato dalla SpaceD, azienda con sede a Pechino e attiva nella divulgazione delle scienze aerospaziali. "Il contesto internazionale era sfavorevole, così abbiamo dovuto realizzare un satellite tutto da soli e partendo da zero".

Con una forma quasi sferica ma sfaccettata, il satellite Dongfanghong-1 raggiunse l'orbita prevista il 24 aprile 1970. Aveva un diametro di un metro per 173 chili di peso, un carico più pesante del totale dei primi quattro satelliti artificiali lanciati nello spazio da altri Paesi.

Tra i vari grattacapi tecnici incontrati nello sviluppo del satellite da parte dei ricercatori, il più problematico riguardava l'esecuzione in orbita del brano "Dongfanghong", una canzone popolare cantata in onore del presidente Mao, e la sua trasmissione via radio a tutti i cinesi.

La China Academy of Space Technology (CAST) ricorda che gli scienziati realizzarono a questo scopo un dispositivo elettronico musicale, che riproducesse in 40 secondi le prime otto strofe della canzone, trasmettendola tramite segnali in telemetria nei successivi 20 secondi. Ma mentre era stonata. Liu Chengxi, membro del gruppo di ricerca, decise di rivolgersi ad alcuni esperti di musica per chiedere il loro aiuto. Lo scienziato si recò in una fabbrica di armoniche a Shanghai, dove trovò un maestro artigiano che gli consigliò di aggiungere alcune frequenze armoniche per rendere il suono cadenzato e migliorare la melodia.

Il problema dell'intonazione era stato risolto, ma come era possibile trasmettere la musica sulla Terra?

Lo scienziato Hu Qizheng, membro della squadra responsabile dell'intera fase di progettazione del satellite, ha rivelato che il gruppo optò per l'adozione della "trasmissione a relais": il brano "Dongfanghong" riprodotto dal satellite fu decodificato da una stazione a Terra e il segnale così elaborato inviato alla China National Radio, che lo trasmise a tutti i modelli di radio della Cina.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.