Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Oggi gli svizzeri decidono dove vorranno deporre il fucile d'assalto: in cantina o in arsenale. L'iniziativa popolare "Per la protezione dalla violenza perpetrata con le armi" è infatti posta in votazione questo fine settimana.

Inizialmente i sondaggi davano vincente il testo, grazie soprattutto al sostegno della popolazione femminile, poi però lo scarto fra i "sì" e i "no" si è assottigliato. L'esito dello scrutinio è incerto poiché è necessaria anche la maggioranza dei cantoni.

L'iniziativa chiede in particolare di rendere obbligatorio il deposito delle armi in arsenale. È sostenuta da oltre 80 organizzazioni, fra cui il PS, i Verdi, le donne PPD e il PCS che la considerano un valido mezzo per evitare drammi famigliari e suicidi.

Il centro-destra (PPD, PLR, PBD e UDC) invece è contrario: alcuni ritengono che la legislazione attuale sia sufficiente a proteggere la popolazione, altri non intendono rinunciare al tradizionale attaccamento alle armi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS