Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Più di 1600 militari delle truppe d'aviazione e di difesa contraerea (DCA) sono impiegati nella base militare di Sion per un esercitazione combinata. Per 72 ore il capoluogo vallesano sarà uno dei luoghi più protetti della Svizzera.

L'esercitazione simulerà la sorveglianza di una conferenza internazionale che riunisce stati belligeranti. Essa non concerne la parte civile dell'aeroporto di Sion, il cui traffico non sarà perturbato.

La coordinazione tra l'aviazione e la DCA attorno a una base aerea non era più stata esercitata da una decina d'anni. L'operazione di tre giorni nella base di Sion è quindi importante per controllare che le due armi siano in grado di interagire al meglio, ha dichiarato oggi il responsabile della comunicazione delle forze aeree Laurent Savary.

La presenza di batterie antiaeree nella maggior parte delle località che circondano la città vallesana deve essere spiegata al pubblico, ha precisato il comandante della base di Sion Antoine Jacquod. Questi cannoni e lancia-missili della DCA non apriranno il fuoco durante l'esercitazione. Ci saranno solo delle simulazioni di tiro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS