Navigation

Omicidio Meredith: Guede, niente servizi sociali ma semilibero

I giudici hanno concesso la semilibertà a Rudy Guede. L'ivoriano sta scontando nel carcere di Viterbo 16 anni di reclusione per l'omicidio di Meredith Kercher. KEYSTONE/EPA/PIETRO CROCCHIONI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2019 - 11:41
(Keystone-ATS)

Il tribunale di Roma ha respinto l'istanza con la quale Rudy Guede (che sta scontando nel carcere di Viterbo 16 anni di reclusione per l'omicidio di Meredith Kercher a Perugia) ha chiesto di essere affidato ai servizi sociali.

I giudici gli hanno però concesso la semilibertà, consentendogli di collaborare con il Centro studi criminologici di Viterbo per alcune ore al giorno rientrando in carcere la sera. È quanto appreso dall'agenzia italiana ANSA.

Il provvedimento scaturito dall'udienza che si è tenuta il 20 settembre davanti al tribunale è stato notificato oggi a Guede. I giudici hanno così in parte accolto un'istanza del suo legale, l'avvocato Fabrizio Ballarini.

Secondo i pareri degli operatori e gli psicologi della casa circondariale di Viterbo presso la quale è già stato detenuto per 12 anni, esaminati nel procedimento davanti ai giudici romani, Guede si è sempre comportato "in maniera esemplare" e il tribunale ha "preso atto" della qualità del percorso didattico e umano dell'ivoriano.

Pertanto il tribunale ha stabilito che possa collaborare con il Centro studi criminologici di Viterbo. Cosa che per altro già avveniva, ma in base a un articolo del regolamento carcerario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.