Navigation

Omofobia: ogni settimana un'aggressione, chieste misure

Omofobia, troppe aggressioni, chieste misure a livello federale KEYSTONE/MELANIE DUCHENE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2020 - 08:57
(Keystone-ATS)

Lo scorso anno in Svizzera sono state registrate 66 aggressioni basate sull'orientamento sessuale. Nella maggior parte dei casi si è trattato di insulti e ingiurie, un terzo dei fatti è sfociato in violenza fisica.

È quanto emerge da un rapporto pubblicato oggi da diverse organizzazioni LGBTQ svizzere in occasione della Giornata mondiale contro l'omofobia e la transfobia. I dati si basano su quanto segnalato alla Helpline LGBT+, si legge in una nota.

Sulla base di questi risultati, le ong chiedono un piano d'azione nazionale con misure forti e coordinate. Una di queste è la creazione di un centro nazionale di segnalazione degli attacchi e delle discriminazioni contro la comunità LGBTQ. Inoltre, le autorità di perseguimento penale e le scuole dovrebbero essere sensibilizzate al problema, sostengono.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.