Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il vescovo di Coira mons. Vitus Huonder non ha nulla da temere dalle denunce presentate contro di lui dalla Federazione svizzera dei gay (Pink Cross) e da due privati cittadini per le citazioni bibliche sugli omosessuali: La procura grigionese ha archiviato il caso.

Il 73enne vescovo era stato denunciato per il reato di pubblica istigazione a un crimine o alla violenza (articolo 259 del Codice penale). A mons. Hunder era stato contestato un discorso pronunciato il 31 luglio a Fulda (D) durante un convegno di cattolici tedeschi. Nel suo intervento dedicato a matrimonio e famiglia, aveva citato versetti del Vecchio Testamento che condannano a morte gli omosessuali e che, secondo gli autore delle denunce, istigano i cristiani a procedere alla loro esecuzione.

All'indomani del discorso a Fulda, il vescovo si era detto pubblicamente dispiaciuto per essere stato capito e male interpretato.

Il Ministero pubblico ha reso noto oggi che le parole del vescovo non costituiscono reato, per cui il procedimento è archiviato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS