Tutte le notizie in breve

L'OMS consiglia agli Stati di offrire il vaccino a chi è più esposto.

Keystone/AP/RICK CALLAHAN

(sda-ats)

L'epidemia di epatite A in corso in Europa non accenna a fermarsi, e rischia di essere acuita dalle numerose manifestazioni delle comunità gay, tra quelle a rischio, previste nei prossimi giorni oltre che alla carenza di vaccini.

Lo sottolinea l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) in un comunicato, in cui consiglia agli Stati di offrire il vaccino a chi è più esposto.

Nell'ultimo anno nella regione europea dell'Oms si sono verificati 1173 casi, con gli uomini che fanno sesso con uomini che rappresentano la categoria più colpita. "Questa epidemia - scrive l'Oms - è di particolare preoccupazione per la salute pubblica per la limitata disponibilità di vaccini nel mondo. In più diversi festival Lgbt (acronimo per lesbiche, gay, bisessuali e transgender, ndr) si terranno tra giugno e settembre, compreso il Workd pride festival di Madrid tra il 23 giugno e il 2 luglio".

L'infezione da epatite A raramente è mortale, ma nei casi più gravi può dare sintomi per diversi mesi. La raccomandazione per gli stati è di offrire la vaccinazione alle categorie a rischio, a partire dagli omosessuali, eventualmente in una sola dose se c'è una scarsa disponibilità. I gruppi a rischio dovrebbero anche essere sensibilizzati con delle campagne ad hoc.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve