Navigation

Onda verde una sorpresa dice Filippo Lombardi (PPD/TI)

Il Consigliere agli Stati Filippo Lombardi (PPD/TI) Filippo Lombardi KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 ottobre 2019 - 15:33
(Keystone-ATS)

L'avanzata dei Verdi anche in Ticino, come in molti altri Cantoni della Svizzera, rappresenta una sorpresa per il Consigliere agli Stati Filippo Lombardi (PPD/TI). Insomma, secondo il capogruppo PPD alle Camere federali, si tratta di un fenomeno che va "riconosciuto".

Per quanto riguarda il risultato del suo partito, il "senatore" ha dichiarato a Keystone-ATS che il secondo seggio alla Camera del popolo sarebbe stato perso comunque, malgrado la congiunzione delle liste col Partito liberale radicale. Tuttavia, ha aggiunto, "era giusto provarci".

In merito alle ambizioni di Verdi e Verdi liberali di accedere al Consiglio federale riportate nelle scorse settimane dai media, secondo Lombardi si tratta di un "calcolo azzardato".

Bisognerà prima attendere i risultati definitivi del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati, quest'ultimi tra quattro settimane, dopo i ballottaggi. A bocce ferme, ossia da metà novembre in avanti fino a metà dicembre, quando si eleggerà il governo, i i gruppi parlamentari avranno tutto il tempo per pensarci.

Circa i temi che dovrebbero occupare maggiormente il futuro parlamento, Lombardi spera che una buona parte del tempo venga impiegato per affrontare dossier importanti, come le relazioni tra la Svizzera e l'Europa, la Legge sul CO2 e le assicurazioni sociali, AVS in primis.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.