Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A dispetto delle polemiche della vigilia per le leggi anti-gay dell'Uganda, l'Assemblea Generale dell'Onu ha eletto il ministro degli esteri del Paese africano, Sam Kutesa, suo presidente per un anno a partire dal prossimo settembre.

L'elezione è avvenuta per acclamazione. Kutesa era il candidato unico del Gruppo Africano a cui per rotazione spettava la presidenza della prossima Assemblea Generale.

Accettando l'elezione Kutesa ha annunciato che il tema della prossima Assemblea Generale sarà "Delivering on and Implementing a Transformative Post-2015 Development Agenda": "Sottolinea il bisogno di concentrarsi non solo nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo post-2015, ma anche e soprattutto, sulla loro messa in atto", ha detto il ministro degli esteri ugandese citando Nelson Mandela e JFK.

Tra i temi dell'impegno della nuova presidenza, ha anticipato Kutesa, ci saranno il cambiamento climatico, il peace-building e la parità di genere. Sul fronte della riforma dell'ONU, e in particolare del Consiglio di Sicurezza, Kutesa ha detto che "non c'è stato finora il progresso auspicato" e che da presidente si impegnerà a lavorare con le parti per raggiungere risultati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS