Navigation

Opposizione a nuove commissioni su pagamenti con Maestro

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 ottobre 2010 - 18:36
(Keystone-ATS)

BERNA - Alzata di scudi da parte dei dettaglianti contro nuove commissioni per il pagamento senza contanti. L'autorità che vigila sulla concorrenza (Comco) sta accertando se dovrà avviare un'inchiesta contro Mastercard. Al centro del contenzioso figurano due commissioni che il gruppo Mastercard preleva per l'utilizzo della carta di debito Maestro.
Secondo la Comunità di interesse del commercio al dettaglio Svizzera (CI CDS), in seguito a tali misure le commissioni che andranno a Mastercard balzeranno da 50 a 120 milioni di franchi. Fanno parte della CI CDS fra l'altro la Coop, la Migros, la Manor e la Valora.
"Qui qualcuno sta imbrogliando", ha detto ieri Herbert Bolliger, presidente della direzione della Migros, nella trasmissione "10vor10" della TV SF. "Non lo tolleriamo", ha aggiunto dal canto suo Hansueli Loosli, presidente della direzione della Coop. I dettaglianti hanno perfino ventilato la possibilità di boicottare le tessere di Mastercad e introdurre un proprio sistema.
Nel frattempo la Comco non ha potuto bloccare l'aumento delle commissioni, malgrado la richiesta dei dettaglianti. Da un'analisi non sono emersi i presupposti per un provvedimento cautelativo, ha detto Schaller. Le indagini preliminari dureranno ancora diversi mesi, ha aggiunto.
Thorsten Klein, portavoce di Mastercard, ha dal canto suo dichiarato all'ATS che la cifra fatta dai dettaglianti è per lui nuova e che non sa su quali basi è stata calcolata.
Secondo Klein, occorre chiarire le cose: la questione riguarda le commissioni 'interchange' che verrebbero prelevate sulle transazioni tra la banca del dettagliante e quella che emette le carte. Quest'ultima, con tali entrate, coprirebbe le eventuali perdite e i costi della tenuta dei conti. Sono soldi che non andrebbero a Mastercard, ha sottolineato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?