Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Accoglienza controllata sul posto e difesa comune delle frontiere Ue - queste sono le proposte del premier ungherese Viktor Orban al vertice di domani per una soluzione globale dell'emergenza rifugiati. Lo ha anticipato al giornale Nepszabadsag oggi in edicola.

Secondo la proposta, i rifugiati potrebbero presentare le loro domande di accoglienza e di asilo nei paesi vicini alla zona di guerre: Turchia, Libano, Giordania.

I campi di profughi in quei paesi - secondo quanto propone Orban - potrebbero essere gestiti direttamente dall'Ue, attraverso un fondo rifugiati, con la partecipazione dei 28 paesi membri. L'Ungheria offre 1% del bilancio, circa 0,5-1 miliardi di euro allo scopo. Gli hot spot, proposti da Bruxelles dovrebbero essere realizzati in questi paesi, e non nell'Ue.

Parallelamente, l'Ue dovrebbe rafforzare notevolmente la difesa delle frontiere esterne, sopratutto in Grecia, in modo comune. "Dopo tutto questo, si può anche parlare di quote", ha aggiunto Orban.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS