Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BIENNE - Le esportazioni orologiere elvetiche sono aumentate del 19,9% in luglio rispetto allo stesso mese del 2009, per un valore di 1,44 miliardi di franchi. Nei primi sette mesi dell'anno, si è registrata una crescita del 19,6%, a 8,73 miliardi, indica in una nota odierna la Federazione dell'industria orologiera svizzera (FH).
Fra le varie classi di prezzo, il miglior risultato è stato realizzato dalla fascia 200-500 franchi, con un tasso di espansione del 40%. Buono anche l'andamento per gli orologi di oltre 3000 franchi (+23,3%).
Hong Kong, il principale mercato dell'orologeria svizzera, ha accresciuto gli acquisti del 54,6% in luglio, portandoli a 269,9 milioni di franchi. In seconda posizione figurano gli Stati Uniti, con una cifra invariata di 136,1 milioni di franchi (+0,1%), in terza la Francia, in crescita del 9,2% a 111,7 milioni. Al quarto posto si classifica Singapore (+28% a 90,5 milioni), al quinto la Cina (87,9 milioni, +20%) e al sesto l'Italia (80,4 milioni, -8,8%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS