Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sicurezza, libertà e responsabilità: questi gli obiettivi priopritari che la Svizzera si è fissati in vista del 2014, anno in cui assicurerà la presidenza dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE). Li ha illustrati oggi il consigliere federale Didier Burkhalter, davanti al consiglio permanente dell'organizzazione, a Vienna.

Il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) ha riassunto il programma elvetico in poche parole: "Creare una comunità di sicurezza che sia di profitto per ciascun membro è una delle aspirazioni della presidenza".

Prima di entrare nel merito delle priorità, il ministro degli esteri ha fatto un confronto tra la Svizzera e l'OSCE, affermando: "con il suo sistema politico di integrazione, rivolto verso la ricerca del consenso, la Svizzera può essere vista come una mini OSCE".

Burkhalter ha parlato con a fianco il suo omologo serbo Ivan Mrkic. La Serbia infatti succederà alla Svizzera alla presidenza, nel 2015.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS