Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) informa della probabile trasmissione del virus dell’epatite C, avvenuto il 19 dicembre 2013 presso l’Ospedale Regionale di Lugano, sede Civico.

"Nell'ambito delle procedure preparatorie per un esame di Tomografia assiale computerizzata (TAC), una manipolazione errata ha reso possibile la trasmissione del virus a quattro pazienti", informa un comunicato odierno.

Tutti i pazienti coinvolti sono già stati convocati singolarmente, sono stati sottoposti ai test necessari e hanno potuto beneficiare del sostegno necessario per affrontare la situazione. Ulteriori accertamenti, eseguiti su larga scala, hanno permesso di confermare che si è trattato di un evento isolato.

L'ipotesi più probabile è che un paziente sottoposto all'esame quel giorno fosse portatore cronico dell'epatite C e che sia stato commesso un errore nell'ambito delle manipolazioni e delle procedure di preparazione per l'esame TAC.

Il dossier è ora stato trasmesso al Ministero Pubblico, che valuterà l'accaduto accertando cause ed eventuali responsabilità.

SDA-ATS