Navigation

Ostaggi svizzeri: Rachid Hamdani è rientrato in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 febbraio 2010 - 07:56
(Keystone-ATS)

BERNA - Nonostante non vi sia alcuna conferma ufficiale da parte di Berna, l'incubo di Rachid Hamdani è quasi certamente finito. Stando a quanto affermato ieri sera dalla trasmissione "10 vor 10" della televisione svizzerotedesca SF DRS, l'ex ostaggio elvetico - rilasciato lunedì sera dalle autorità libiche - si troverebbe già in Svizzera.
Hamdani non sarebbe però atterrato a Ginevra, dove era atteso, bensì a Zurigo-Kloten.
Ieri sera, sua moglie Bruna Hamdani - dopo aver atteso per 19 mesi il ritorno di Rachid - auspicava di poterlo accogliere nella calma e nella tranquillità più assoluta. In una nota diffusa in serata, chiedeva pertanto ai media di rispettare questo desiderio, affinché la coppia possa "ritrovare una vita normale".
Molto sollecitata dai giornalisti in questi ultimi giorni, la ticinese che vive nel canton Vaud assicurava che "quando sarà il momento", l'ex ostaggio si rivolgerà ai media.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.