Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Gli sviluppi odierni, con la liberazione di Rachid Hamdani, segnano una tappa decisiva di una lunga crisi diplomatica tra Berna e Tripoli, iniziata nel luglio del 2008 con l'arresto a Ginevra di Hannibal Gheddafi, figlio del leader libico. Ecco una breve cronologia:
- 15 luglio 2008: Hannibal Gheddafi e sua moglie Aline, incinta di nove mesi, vengono arrestati in un albergo a cinque stelle di Ginevra. Sono accusati di maltrattamenti verso due domestici.
- 17 luglio 2008: la coppia è incriminata di lesioni semplici, minacce e coazione. Hannibal e Aline tornano in Libia dopo il pagamento di una cauzione di 500'000 franchi.
- 19 luglio 2008: Rachid Hamdani e Max Göldi vengono arrestati in Libia. Tripoli li accusa di aver violato le disposizioni sull'immigrazione e sul soggiorno.
- 26 luglio 2008: la Libia esige dalla Svizzera scuse ufficiali per il trattamento riservato al figlio e alla nuora del leader libico.
- 29 luglio 2008: Hamdani e Göldi sono liberati su cauzione, ma non possono lasciare il paese.
- 2 settembre 2008: i due domestici della coppia Gheddafi ritirano le loro accuse dopo aver ricevuto un indennizzo. Il procuratore generale di Ginevra Daniel Zappelli archivia la procedura.
- 10 ottobre 2008. La Libia sospende la fornitura di petrolio alla Svizzera e ritira tutti i suoi averi dalle banche elvetiche.
- 23 dicembre 2008: Swiss è costretta a interrompere i voli verso Tripoli.
- 8 aprile 2009: la Libia presenta una denuncia contro il cantone di Ginevra.
- 20 agosto 2009: l'allora presidente della Confederazione Hans-Rudolf Merz si reca a Tripoli e si scusa per l'arresto "ingiustificato e inutile" di Hannibal Gheddafi.
- 4 settembre 2009: la "Tribune de Genève" pubblica le foto segnaletiche di Hannibal Gheddafi scattate dalla polizia ginevrina.
- 23 settembre: Merz incontra Muammar Gheddafi a New York.
- 22 ottobre 2009: la Svizzera accusa la Libia di avere rapito i due svizzeri, di cui si sono perse le tracce il 18 settembre.
- 9 novembre 2009: la Libia annuncia che i due svizzeri sono stati riportati nell'ambasciata elvetica di Tripoli.
- 30 novembre 2009. I due svizzeri vengono condannati in primo grado per "soggiorno illegale" a 16 mesi di detenzione e al pagamento di un'ammenda.
- 31 gennaio 2010. La corte d'appello di Tripoli dichiara innocente Rachid Hamdani e annulla la sua pena per soggiorno illegale.
- 6 febbraio 2010. Il tribunale condanna Max Göldi al pagamento di una multa di circa 850 franchi per "esercizio di attività economica illegale".
- 7 febbraio 2010: per lo stesso reato Hamdani ottiene l'assoluzione.
- 11 febbraio 2010. Göldi, in merito all'accusa di violazione della legge sull'immigrazione, ottiene una riduzione della pena da 16 a 4 mesi di prigione.
- 14 febbraio 2010. La Libia annuncia la sospensione dei visti e quindi il blocco degli ingressi per i cittadini dell'area Schengen.
- 18 febbraio 2010. Iniziano le consultazioni a livello europeo per risolvere la questione.
- 22 febbraio 2010. Rachid Hamdani ottiene il passaporto e il visto e parte per la Tunisia in macchina. Göldi si consegna alla polizia giudiziaria libica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS