BERNA - Continuano gli sforzi diplomatici per ottenere la liberazione dei due svizzeri trattenuti in Libia e mettere fine alla crisi dei visti scoppiata tra Tripoli e i Paesi dell'area Schengen.
Stando a fonti giornalistiche a Malta, la consigliera federale Micheline Calmy-Rey, che oggi ha incontrato a Madrid il ministro degli esteri libico Noussa Khoussa, si appresterebbe a partire domani alla volta di Berlino. La Germania, a quanto sembra, svolge da tempo un ruolo di intermediario e la speranza è che la vertenza tra Berna e Tripoli possa risolversi nel giro di 48 ore.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.