Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ROMA - Una nuova serie di attentati ha scosso oggi la provincia pachistana della Frontiera del nordovest, a ridosso del confine con l'Afghanistan: a Peshawar uomini armati hanno attaccato il consolato Usa, con un bilancio di almeno 6 morti, compresi 4 assalitori, mentre alcune ore prima a Timergarah era stata presa di mira una assemblea del partito al governo nella provincia, l'Awami National Party, con almeno 38 morti.
Ancora incerta la dinamica dell'attacco al consolato Usa, nel quartiere Saddar di Peshawar: secondo alcune fonti, gli assalitori, sospetti militanti islamici, erano a bordo di due veicoli. Dalla prima auto è partito il fuoco contro il personale della sicurezza al check point pachistano nei pressi del consolato e poi ci sono state delle esplosioni, tre secondo alcune fonti, cinque secondo altre. Alcuni testimoni riferiscono che almeno due deflagrazioni sono avvenute a circa 20 metri dall'ingresso dell'edificio. L'ambasciata americana ha confermato che il consolato era l'obiettivo dell'attacco.
Nella stessa strada, Khyber Road, ha sede anche l'Isi, l'Inter Services Intelligence, il potente e famigerato servizio segreto di Islamabad, preso di mira da un attentato in novembre che causò oltre 20 morti. Secondo i testimoni, dopo la prima esplosione è iniziato uno scontro a fuoco che si è protratto per oltre 30 minuti. Le tv pachistane hanno mostrato una colonna di fumo denso che si leva alta sul quartiere.
Poche ore prima a Timergarah, maggiore città del Lower Dir, secondo quanto riferito dalla polizia, un uomo ha cercato di entrare nel luogo dove era in corso l'assemblea del partito Awami, e, quando è stato bloccato, si è fatto esplodere causando almeno 38 morti ed un centinaio di feriti secondo l'ultimo bilancio.
Il Lower Dir è uno dei distretti della Provincia della Frontiera di Nordovest, che annovera anche la valle dello Swat, governata da una coalizione guidata proprio dall'Awami National Party, un partito locale laico che contende agli integralisti l'egemonia politica e culturale sulle tribù di etnia pashtun, le stesse dalle quali provengono i fondatori dei talebani.
L'assemblea del partito era stata convocata per celebrare la decisione di assegnare un nuovo nome alla Provincia della Frontiera Nord Occidentale, ribattezzata ora Khyber Pakhtoonkhaw.

SDA-ATS