Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 12 persone sono state uccise in un attentato con esplosivo lanciato oggi contro un convoglio di un leader del partito islamico Jamiat Ulema-i-Islam - Fazl (Jui-F) nella località di Charsadda, nel nordovest del Pakistan. Lo riferisce la tv DawnNews.

La deflagrazione, molto potente, è stata azionata da un kamikaze che si è fatto esplodere al passaggio dell'esponente politico e religioso Maulana Fazlur Rehman. Nell'attacco sono state ferite 29 persone. Intervistato da una televisione, il parlamentare ha detto di "essere sano e salvo" nonostante la sua auto sia stata danneggiata e le guardie del corpo ferite nell'esplosione. Il leader era diretto a un comizio a Charsadda.

L'uomo, già scampato a un altro attentato ieri mattina, è rimasto illeso, secondo quanto riferisce la polizia. Ieri mattina era scampato per un soffio a un primo kamikaze nella zona di Swabi sulla strada che collega Islamabad a Peshawar dove era atteso per altro comizio. L'attentatore suicida era entrato in azione poco prima del suo arrivo provocando la morte di 8 persone, tra cui alcuni poliziotti.

Il partito Jui-F si era ritirato dalla coalizione di governo lo scorso dicembre in seguito uno scandalo per corruzione che aveva travolto due ministri costretti alle dimissioni. Figura controversa della politica pachistana, Rehman è noto come un forte critico dell'alleanza di Islamabad con gli Stati Uniti, nonostante il suo supporto al Partito popolare pachistano della famiglia Bhutto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS