Navigation

Pakistan: esperti Onu, liberare docente accusato blasfemia

Esperti in materia di diritti umani delle Nazioni Unite chiedono di liberare il docente universitario Junaid Hafeez condannato a morte per blasfemia in Pakistan (foto d'archivio) KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2019 - 18:07
(Keystone-ATS)

La condanna a morte per blasfemia di Junaid Hafeez, docente universitario arrestato nel 2013, emessa dal tribunale pakistano lo scorso 21 dicembre, "è una parodia di giustizia". Lo dichiarano gli esperti in materia di diritti umani delle Nazioni Unite.

"La decisione della Corte Suprema sul caso Asia Bibi avrebbe dovuto creare un precedente per i tribunali inferiori portandoli a respingere qualsiasi caso di blasfemia che non fosse dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio", hanno detto. Invece il tribunale pakistano di Multan, nel Punjab, ha ugualmente condannato il giovane professore. "Esortiamo i tribunali superiori del Pakistan ad avviare rapidamente il processo d'appello, a cancellare la pena di morte e ad assolverlo", hanno aggiunto.

La situazione in Pakistan preoccupa molto gli esperti Onu che rilevano come nel Paese le accuse di blasfemia siano rivolte contro persone che legittimamente esercitano i loro diritti alla libertà di pensiero, di coscienza, di religione ed espressione. Hafeez, 33 anni, professore presso l'Università Bahauddin di Multan, è stato arrestato il 13 marzo 2013 e accusato, in base al codice penale pakistano, di aver fatto osservazioni blasfeme alle conferenze e sul suo account Facebook. L'uomo è stato tenuto in isolamento dall'inizio del suo processo nel 2014, ricordano gli esperti, e ciò ha gravemente intaccato la sua salute mentale e fisica, oltre ad essere considerato un trattamento crudele, inumano e degradante.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.