Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno nove persone sono state uccise oggi in un attacco armato in una moschea a Quetta, in Pakistan, il secondo in due giorni. Lo si è appreso da fonti sanitarie. Un gruppo di uomini ha sparato sulla folla di fedeli in preghiera per la festa musulmana di Eid al Fitr nell'area di Bypass Road. Oltre 20 persone sono rimaste ferite.

Da quanto si è appreso l'obiettivo dell'attacco era un ex ministro provinciale, Ali Madad Jattak, che è rimasto illeso. La polizia ha chiuso l'area e sta raccogliendo indizi utili per risalire agli attentatori che si sono dileguati subito dopo l'azione. In occasione della celebrazione religiosa di Eid al Fitr, che segna la fine del mese sacro del Ramadan, è stata rafforzata la sicurezza in tutti i luoghi sacri.

Sempre oggi, all'aeroporto di Islamabad è scattata l'allerta per il rischio di attentati terroristici. Un aereo diretto a Quetta della compagnia di bandiera Pakistan International Airlines (Pia) è stato costretto a effettuare un atterraggio di emergenza dopo un falso allarme per una bomba a bordo.

Ieri nella città di Quetta, un kamikaze ha ucciso 38 persone, in maggior parte poliziotti, durante un funerale. L'attacco è stato rivendicato dai talebani che controllano i distretti tribali al confine con l'Afghanistan.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS