Navigation

Pakistan: offerta dialogo talebani, governo dice no

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2012 - 07:29
(Keystone-ATS)

Il Pakistan ha respinto, almeno per il momento, l'offerta per un negoziato di pace avanzata dai talebani pachistani, sostenendo che "il governo farà tutto quanto è nelle sue possibilità per eliminare il terrorismo".

Ieri il portavoce del Tehrek-e-Taliban Pakistan (TTP), Ehsanullah Ehsan, aveva sostenuto che l'inizio di un dialogo era possibile a condizione che il Pakistan sospendesse la sua partecipazione alla guerra in Afghanistan ed accettasse una riscrittura della Costituzione nazionale per metterla in sintonia con lo spirito del Corano.

Ma il ministro dell'Informazione, Qamar Zaman Kaira, ha ricordato che già in passato il governo ha dato la sua disponibilità per il dialogo, ma che esso non può che realizzarsi "nell'ambito della legge e della nostra Costituzione".

Più categorico al riguardo è stato il ministro dell'Interno, Rehman Malik, secondo cui "con la sua proposta il TTP vuole dettare le condizioni del dialogo al governo e far deragliare la democrazia, e questo è assolutamente inaccettabile".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo