Almeno sette prigionieri sono stati uccisi in una rivolta scoppiata in una prigione di Hyderabad, nel Pakistan meridionale, perché non c'era tè a colazione.

Lo riporta oggi la televisione Geo Tv, precisando che una trentina di detenuti e alcuni agenti sono stati feriti negli scontri con la polizia carceraria durati circa 24 ore.

La ribellione è nata in seguito a una protesta dei prigionieri contro le precarie condizioni del carcere e la mancanza di servizi di base. In particolare, riferisce Express Tribune, a far scattare la scintilla sarebbe stata la mancanza del tradizionale tè con il latte nella colazione di ieri mattina.

Per protesta, alcuni detenuti sono saliti sui tetti delle loro celle urlando slogan contro il nuovo direttore del penitenziario, arrivato da pochi giorni. Quando è intervenuta la polizia, i rivoltosi hanno scatenato una sassaiola e preso in ostaggio alcuni agenti penitenziari. È seguita una dura rappresaglia, in cui le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco.

Nello storico penitenziario, costruito un secolo fa, ci sono 1709 prigionieri in 300 celle.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.