Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Continua ad aumentare il bilancio delle vittime del rogo sviluppatosi nella notte in una fabbrica tessile di Karachi, in Pakistan: secondo quanto riferito da una fonte della polizia all'emittente Tv Samaa i morti sarebbero 272.

Dall'edificio di tre piani che fino a ieri ospitava la fabbrica non escono più fiamme, ma alcuni locali sono ancora avvolti dal fumo che rende difficile il lavoro dei pompieri. Nelle ultime ore, decine di corpi sono stati portati fuori dai soccorritori. Si trovavano nel grande sotterraneo dove gli operai erano al lavoro.

Secondo le testimonianze dei sopravvissuti raccolte negli ospedali dove sono stati ricoverati, le fiamme si sono propagate in pochi minuti a causa della grande quantità di tessuto e altro materiale presente nello stabile. In mancanza di uscite di sicurezza, gli operai non hanno avuto altra scelta che buttarsi dalle finestre. Molti di loro hanno riportato fratture, ma si sono salvati. Ma per coloro che si trovavano nello scantinato non c'è stato scampo. Sembra che al momento della tragedia, nella fabbrica ci fossero circa 450 addetti per il turno serale.

Intanto, la polizia ha organizzato diverse perquisizioni nella metropoli alla ricerca del proprietario e dei responsabili dell'azienda.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS