Il governo della provincia meridionale pachistana di Sindh ha identificato 48 'madrase' (scuole coraniche) che promuovono il terrorismo ed ha deciso di mettere fine a queste attività. Lo riferisce oggi il quotidiano The Express Tribune.

La decisione è stata presa da un comitato 'ad hoc' presieduto dal 'chief minister' (governatore) provinciale, Qaim Ali Shah, in cui si è chiarito che prima della sua attuazione, il piano di repressione del terrorismo sarà portato a conoscenza della Wafaq-ul Madaris Al-Arabya, la più grande federazione di seminari islamici del mondo.

Un responsabile dell'intelligence pachistana ha spiegato al giornale che "dopo aver indottrinato gli allievi, queste 'madrase' forniscono reclute per le attività terroristiche in varie aree del Paese".

Il governo, si è infine appreso, taglierà anche i finanziamenti alle scuole coraniche prese di mira attraverso le opportune misure amministrative, legali e legislative.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.