Navigation

Pakistan: tre esplosioni in Bazar Peshawar, almeno 39 morti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2011 - 12:44
(Keystone-ATS)

Almeno 39 persone sono morte e un centinaio sono rimaste ferite in un triplice attentato perpetrato ieri sera a Peshawar, città del nord-ovest del Pakistan, a poche ore dalla visita nel paese asiatico del direttore della Cia Leon Panetta e di quella del presidente afghano Hamid Karzai.

L'attacco, secondo la polizia e testimoni sul posto, è avvenuto nell'area del Khyber Bazar, un mercato molto frequentato cui sono annessi anche alcuni negozi e un supermercato. Il quartiere ospita inoltre diversi ristoranti e la sede di alcuni giornali. Almeno uno degli attentatori era un kamikaze a bordo di una motocicletta di cui sarebbero stati recuperati gli arti. Tra le vittime figura anche un noto giornalista locale, Asfandyar Khan.

Le esplosioni si sarebbero prodotte in successione abbastanza rapida nella tarda serata, in un'ora in cui la zona era ancora piuttosto affollata. Il primo ordigno, secondo alcune fonti, era stato confezionato con un quantitativo ridotto di esplosivo ed ha provocato solo danni materiali. La deflagrazione però ha fatto affluire nella zona curiosi e forze dell'ordine. Dopo pochi minuti sono state attivate altre due bombe che hanno provocato la strage.

Finora nessuno ha rivendicato l'attacco ma gli inquirenti ritengono che sia stato opera di militanti vicini ai talebani del Pakistan e ai loro alleati di Al Qaida, due gruppi che hanno giurato di lavare con il sangue la morte di Osama bin Laden, ucciso il 2 maggio nel suo rifugio di Abbottabad, nei pressi della capitale Islamabad, in un raid notturno delle teste di cuoio americane.

Da allora gli attentati terroristici si sono intensificati in tutto il paese, come testimonia tra l'altro il temerario attacco del 22 maggio scorso contro una importante base navale di Karachi, la più grande città del Pakistan, nel quale almeno 10 militari erano rimasti uccisi e due aerei erano stati fatti esplodere nei loro hangar.

La strage di Peshawar segue di poche ore la visita in Pakistan del direttore della Cia, Leon Panetta, che nella giornata di venerdi ha incontrato massimi responsabili militari e della sicurezza per discutere di cooperazione fra Washington e Islamabad in tema di lotta al terrorismo. Poco prima dell'attentato, anche il presidente afghano Hamid Karzai aveva lasciato il paese dopo una visita di due giorni a in cui il tema della lotta al terrorismo era stato al centro dei colloqui.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?