Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ISLAMABAD/PECHINO - Si aggrava di ora in ora il bilancio delle inondazioni in Pakistan e Cina, mentre da tutto il mondo giungono nelle zone sinistrate messaggi di solidarietà e aiuti. Oggi è arrivato a Islamadad il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon, che ha portato la solidarietà della comunità internazionale.
Finora, il bilancio in Pakistan è di almeno 1.600 morti. Impressionante il numero dei sinistrati: 20 milioni. Ban, che ha incominciato la visita alle regioni colpite, ha espresso "il sostegno delle Nazioni Unite e della comunità internazionale al governo e al popolo pachistani".
Al suo arrivo a Islamabad, Ban ha detto che il mondo intero sostiene il Pakistan, portando la "compassione e la solidarietà" delle Nazioni Unite.
Il segretario generale ha lanciato quindi un appello: "Io sono anche qui - ha detto Ban - per chiedere alla comunità internazionale di accelerare il suo aiuto al popolo pachistano. Stiamo tentando di mobilitare tutto l'aiuto necessario e a ricordare che il mondo intero è dietro al popolo del Pakistan in questi tempi difficili". Il segretario generale dell'Onu ha in programma di incontrare il presidente pachistano, Asif Ali Zardari e il primo ministro Yusuf Raza Gilani.
Intanto, in Cina, è ancora aumentato il bilancio delle vittime delle inondazioni e smottamenti che la settimana scorsa hanno interessato il nord-ovest del Paese: le autorità locali hanno fissato in 1'248 il numero dei morti. I dispersi del maltempo che ha colpito Zhouqu, nella prefettura autonoma tibetana di Gannan, nella provincia di Guansu, sono 496.
A causa della catastrofe è stato dichiarato il lutto nazionale al quale hanno anche partecipato i soccorritori, fermatisi in silenzio per tre minuti alle 10.00. Le bandiere sono state messe a mezz'asta in tutta la Cina e le manifestazioni previste per oggi annullate.
Bandiere a mezz'asta anche nel parco dell'Expo di Shanghai. Tutti i padiglioni hanno esposto il lutto e hanno cancellato le feste e le manifestazioni. Migliaia di persone hanno affollato il padiglione della provincia del Guansu, situato all'interno di quello delle provincie cinesi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS