Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quattro persone sono state ferite da cornate durante il quinto encierro di San Fermin a Pamplona.

L'evento è stato segnato questa mattina da un avvenimento senza precedenti secondo gli aficionados: uno dei sei tori protagonisti della corsa nelle stradine della città dopo cento metri si è fermato, ha rifiutato di continuare con gli altri ed è tornato indietro.

Non accadeva, secondo gli esperti, da oltre un secolo.

Oltre ai quattro 'corredores' incornati la Croce Rossa locale segnala che altre cinque persone hanno subito contusioni durante i poco più di due minuti e 850 metri della corsa, fino all'arena di Pamplona.

Decine di migliaia di persone, spagnoli e turisti stranieri, partecipano ogni anno agli encierros di San Fermin, la più celebre corsa con i tori spagnola. A migliaia corrono davanti e accanto ai tori, sfiorati dalle loro corna e a volte colpiti.

Quest'anno non ci sono stati finora incidenti mortali. Jokin Zuasti, un 'corredor' di Pampelona di 51 anni, che ogni anno partecipa alle corse di San Fermin, ha spiegato a La Vanguardia che "un encierro è un atto di follia, breve e sconvolgente".

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS