Navigation

Papa: celebra messa a Nagasaki, 35mila fedeli

Il Papa a Nagasaki. KEYSTONE/AP/KIICHIRO SATO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2019 - 08:18
(Keystone-ATS)

Papa Francesco, in viaggio in Giappone, ha lasciato Tokyo e si trova ora a Nagasaki, dove sta celebrando la messa. In seguito partirà per Hiroshima. Secondo le autorità, nello stadio di baseball sono presenti circa 35mila fedeli.

Nella cittadina giapponese che ha vissuto la devastazione dell'atomica il 9 agosto del 1945, Bergoglio ha affermato che: Nagasaki è un luogo che "ci rende più consapevoli del dolore e dell'orrore che come esseri umani siamo in grado di infliggerci".

"La croce bombardata e la statua della Madonna, recentemente scoperta nella Cattedrale di Nagasaki, ci ricordano ancora una volta l'orrore indicibile subito nella propria carne dalle vittime e dalle loro famiglie", ha aggiunto il pontefice.

La pace e la stabilità internazionale sono incompatibili con qualsiasi tentativo di costruire sulla paura della reciproca distruzione o su una minaccia di annientamento totale", ha detto il Papa, aggiungendo: "Qui, in questa città, che è testimone delle catastrofiche conseguenze umanitarie e ambientali di un attacco nucleare, non saranno mai abbastanza i tentativi di alzare la voce contro la corsa agli armamenti. Questa infatti spreca risorse preziose" che potrebbero essere utilizzate per "lo sviluppo integrale dei popoli".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.