Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'elezione "storica" quella di di Papa Francesco. Così il Dalai Lama ha espresso, in un messaggio indirizzato al nuovo Papa e pubblicato sul suo sito, il suo saluto e il suo "senso di gioia" augurandosi di poter incontrare presto il nuovo capo della Chiesa di Roma. I

l leader dei buddisti tibetani ha scritto di non essere un esperto di santi cattolici ma, essendo anche stato ad Assisi per l'incontro interreligioso, conosce San Francesco e si è detto "toccato" dalla scelta del cardinale Bergoglio di assumere il nome del poverello d'Assisi come suo nome per il pontificato.

"La sua disciplina - scrive il Dalai Lama riferendosi a San Francesco - la semplicità della sua vita e il suo amore per tutte le creature sono qualità che io trovo altamente ispiranti. Sono veramente toccato nel sapere che è questo il nome scelto dal Papa".

Il Dalai Lama nel suo messaggio ricorda di aver già incontrato Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI e di aspettare un incontro con il nuovo Papa. "Sono stato molto contento di aver incontrato i suoi immediati predecessori - ha scritto il Dalai Lama rivolgendosi a Papa Francesco - con i quali ho avuto conversazioni amichevoli durante gli ultimi 40 anni circa, così come ho avuto scambi con i miei fratelli e sorelle cristiani. Spero di avere l'onore di incontrare anche lei qualche volta nel prossimo futuro".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS