Navigation

Papa, giovani rischiano di diventare zombi

Un selfie con il papa? KEYSTONE/EPA SIPA POOL/PIERRE EMMANUEL DELETREE/SIPA / POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 novembre 2019 - 08:50
(Keystone-ATS)

Troppa competizione e frenesia portano alla solitudine, "la povertà più grande". Lo ha detto il Papa nell'incontro con i giovani a Tokyo. "Ci sono giovani che non ridono, non giocano, non conoscono il senso della meraviglia e della sorpresa.

"Come zombi - ha usato questa parola Papa Francesco -, il loro cuore ha smesso di battere a causa dell'incapacità di celebrare la vita con gli altri". E allora occorre "fare spazio a Dio in una società frenetica e focalizzata sull'essere solo competitivi e produttivi".

Il pontefice ha parlato ai giovani del problema dell'eccesso di competitività in un Giappone dove il fenomeno comporta spesso l'auto-isolamento e anche un grande numero di suicidi.

"È abituale vedere che una persona, una comunità o persino un'intera società possono essere altamente sviluppate all'esterno, ma con una vita interiore povera e ridotta, con l'anima e la vitalità spente. Tutto diventa noioso", ha sottolineato il Papa. "Quanta gente nel mondo è materialmente ricca, ma vive come schiava di una solitudine senza eguali! Penso alla solitudine che sperimentano tante persone, giovani e adulti, delle nostre società prospere, ma spesso così anonime", ha aggiunto.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.