Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Papa Francesco è arrivato a New York, seconda tappa della sua visita negli Stati Uniti. Dopo l'accoglienza riservatagli all'aeroporto Jfk di New York, è partito in elicottero alla volta di Manhattan dove lo attendevano alla cattedrale di St.Patrick sulla Fifth Avenue.

Appena arrivato sulla Fifth Avenue, all'altezza della Trump Tower, nel cuore di Manhattan, Papa Francesco è salito sulla 'papamobile' per poter salutare le migliaia di persone assiepate dietro le transenne. Due ali di folla lo hanno accompagnato fino all'altezza della cattedrale di San Patrizio.

Dopo lo storico discorso di ieri al Congresso degli Stati Uniti a Washington, primo Pontefice a parlare al Parlamento americano, papa Francesco ha oggi un altro appuntamento con la grande politica internazionale: alle 9:20 locali (le 15:20 in Svizzera) sarà infatti al Palazzo di Vetro, sede del'Onu, per parlare all'apertura della 70/ma assemblea generale delle Nazioni Unite.

Il Papa incontrerà anche il segretario generale Ban Ki-moon e il presidente russo del Consiglio di sicurezza.

Al termine, alle 11:30 (le 17:30 svizzere) commemorerà le vittime del terrorismo fondamentalista con un incontro interreligioso a Ground Zero, nel Memorial dell'11 settembre.

Nel pomeriggio sarà invece nel quartiere di Harlem, dove alle 16:00 (22:00 in Svizzera) visiterà la scuola "Nostra Signora, Regina degli Angeli", incontrando i bambini e le famiglie di immigrati. Chiuderà la giornata - e gli impegni a New York - la messa nel Madison Square Garden alle 18:00 (mezzanotte in Svizzera).

Domani il Papa si trasferirà quindi a Filadelfia, dove domenica chiuderà l'Incontro mondiale delle Famiglie.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS