Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Manifestanti contro la riforma costituzionale, ieri ad Asuncion.

KEYSTONE/EPA EFE/ALBERTO PENA

(sda-ats)

Un gruppo di manifestanti hanno invaso la sede del parlamento nella capitale paraguayana Asuncion, protestando contro un progetto di riforma costituzionale che permetterebbe la rielezione di presidenti ed ex presidenti.

Unità antisommossa hanno eseguito cariche, usato idranti e fucili a pallettoni per cercare di disperdere i manifestanti, che a loro volta hanno lanciato pietre e bottiglie contro le forze dell'ordine, e sono entrati nel recinto parlamentare, dove hanno appiccato un incendio.

La protesta è scoppiata dopo che si è diffusa la notizia che 25 senatori progovernativi e dell'opposizione hanno svolto una "sessione parallela" della Camera alta nella quale hanno approvato all'unanimità la riforma costituzionale, dopo aver modificato il regolamento, che prevedeva una maggioranza di almeno 30 voti per poterla portare a termine.

Questa riforma è nata da un accordo fra l'attuale presidente Horacio Cartes (centrodestra) e il suo predecessore Fernando Lugo (centrosinistra), che grazie ad essa potrebbero presentarsi come candidati alle elezioni del 2018. La riforma deve ancora essere approvata dalla Camera dei deputati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS