Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La protesta dei famigliari dei poliziotti francesi.

Keystone/EPA/ETIENNE LAURENT

(sda-ats)

Erano circa 200 questo pomeriggio a Champs de Mars, vicino alla Tour Eiffel, a protestare per l'insicurezza e le condizioni di lavoro dei mariti e compagni membri delle feorze dell'ordine.

Il collettivo "Compagne delle forze dell'ordine" aveva organizzato una manifestazione festosa, con distribuzione di dolci, ma dopo l'attentato costato la vita a un poliziotto giovedì sera a Parigi il raduno ha assunto toni gravi, con momenti di tensione ed emozione.

Alla vigilia di un voto ad alta tensione, dove poliziotti e gendarmi saranno chiamati ad una nuova giornata di massima mobilitazione, il collettivo "denuncia le condizioni di lavoro, la mancanza di considerazione e di mezzi". E chiede di ascoltare "lo smarrimento delle mogli, delle figlie o delle madri degli agenti". Fra gli slogan, "sotto l'uniforme c'è un papà, un marito", "Cittadini, con noi", "poliziotti a rischio, cittadini minacciati".

I sindacati di polizia hanno espresso ieri la loro preoccupazione chiedendo più fermezza della giustizia contro i sospetti pericolosi nel corso di un incontro urgente con il ministro dell'Interno, Matthias Felk.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS