Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Con il centro di Parigi bloccato, il capo dello stato, Francois Hollande, ha fatto il suo arrivo nel cortile agli Invalides per la cerimonia di omaggio alle vittime degli attentati terroristici del 13 novembre.

Il governo e le massime cariche dello stato sono schierate nella tribuna nelle prime file, tutti in piedi. Dietro di loro, con l'ex presidente Nicolas Sarkozy, l'opposizione.

Francois Hollande in silenzio davanti alla tribuna delle autorità e di fronte alla tribuna dei familiari delle vittime: questa l'immagine dell'inizio della cerimonia solenne agli Invalides.

Il silenzio è stato rotto dalle note di "Quand on n'a que l'amour" (Quando si ha solo l'amore) di Jacques Brel, eseguita dalle cantanti Yaël Naïm, Nolwenn Leroy e Camélia Jordana, mentre sul maxischermo scorrevano le foto delle 130 vittime. Successivamente, la soprano Nathalie Dessay ha intonato Perlimpinpin, un brano di Barbara.

Con tutti i vertici dello stato francese in piedi, la Guardia Repubblicana sull'attenti, le bandiere francesi esposte fuori dalle finestre delle case come richiesto da Hollande, sono poi stati letti i nomi delle vittime degli attentati terroristici del 13 novembre. Nome, cognome, ed età.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS