Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Toni durissimi nei confronti dell'Islam per la candidata all'Eliseo del Front National Marine Le Pen.

KEYSTONE/AP/MICHEL EULER

(sda-ats)

Toni durissimi nella dichiarazione di Marine Le Pen, la prima a prendere la parola questa mattina, in una conferenza stampa dal suo quartier generale a due passi dall'Eliseo.

"Siamo in guerra contro un mostruoso totalitarismo", ha detto la candidata alle presidenziali per il Front National.

Le Pen ha invitato tutti all'"unità della nazione e alla lucidità", denunciando il "lassismo e l'ingenuità", ai quali "la nazione deve ora rinunciare".

Ha poi chiesto al presidente Hollande il ripristino delle frontiere francesi. "A questo presidente notoriamente inefficace, a questo governo effimero, segnato dall'inazione, come tutti i governi di destra e di sinistra da 10 anni - ha detto Le Pen in una dichiarazione letta dal suo quartier generale - chiedo un ultimo sussulto, prima di lasciare il potere, gli chiedo solennemente di ordinare il ripristino effettivo delle nostre frontiere in virtù del trattato di Schengen e procedimenti amministrativi o penali immediati per gli schedati a rischio di adesione all'ideologia del nemico".

Le Pen ha proposto l'assunzione "di altri 15'000 poliziotti e gendarmi", il "rafforzamento delle capacità militari e il loro utilizzo effettivo contro tutti i gruppi terroristici" e l'adeguamento "coerente con i nostri obiettivi di guerra della nostra diplomazia".

SDA-ATS