Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È caccia aperta alle "meduse cosmiche", galassie dalle quali partono lunghissimi "tentacoli" fatti di stelle e gas. Studiarle aiuterà a capire meglio come le galassie si evolvono e finiscono per invecchiare.

La spia di questo processo, ancora misterioso, è il modo in cui le galassie perdono i loro gas e ad osservarne i dettagli per la prima volta è uno dei telescopi più grandi e potenti del mondo, il Very Large Telescope (Vlt), che si trova sulle Ande cileni.

Capire come le galassie perdono gas e invecchiano è l'obiettivo della campagna osservativa Gasp (Dissecting GAs Stripping Phenomena in galaxies with MUSE), approvata dall'Osservatorio Meridionale Europeo (Eso) e guidata dall'italiana Bianca Maria Poggianti, astronoma dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) presso l'Osservatorio di Padova. Del gruppo di ricerca fanno parte altri ricercatori dell'Inaf, insieme a quelli dell'Università di Padova e ad un gruppo internazionale di esperti da Svizzera, Giappone, Australia, Messico e Cile.

Il progetto vedrà impegnato il telescopio Vlt e il suo avanzatissimo spettrografo Muse per 120 ore complessive di osservazioni, distribuite nell'arco di due anni. Lo scopo è raccogliere dati straordinariamente dettagliati su cento galassie "medusa".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS