Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Circa la metà di un centinaio di passaggi pedonali esaminati dal Touring Club Svizzero (TCS) sono giudicati potenzialmente pericolosi. Il peggiore si trova a Vernier (GE), il migliore è a Sierre (VS). L'analisi ha interessato anche il Mendrisiotto.

Secondo un comunicato dello stesso TCS, 45 passaggi pedonali presentano lacune per quanto riguarda la sicurezza e sono giudicati "insufficienti", 33 ottengono la valutazione "sufficiente", 21 sono considerati "buoni" e solo uno - quello di Sierre - "molto buono".

Quest'ultimo, che si trova in route du Simplon, si distingue per una struttura molto buona e un'eccellente visibilità di notte. La città di Sierre ha tuttavia anche diversi passaggi considerati "insufficienti", sottolinea il TCS.

Il passaggio pedonale che ottiene la valutazione peggiore è a Vernier (GE) situato all'intersezione tra la Rue du Village e la Chemin de la Greube: la visibilità è pessima sia di giorno sia di notte e l'accessibilità è molto limitata. Nella località vi sono anche quattro passaggi pedonali classificati "buoni".

I risultati del test 2013 confermano le cifre del 2012, anno in cui erano stati definiti pericolosi 44 passaggi pedonali. Il tema rimane prioritario per il TCS, anche in considerazione dei 20 morti registrati l'anno scorso.

Nel test 2013 il club automobilistico ha esaminato 10 passaggi pedonali in ognuna delle seguenti regioni: Aarau, Berna, la Chaux-de-Fonds (NE), Herisau (AR), Mendrisiotto, Sciaffusa, Sierre, Vernier, Yverdon-les-Bains (VD) e Zugo.

Nel distretto più meridionale della Svizzera i passaggi pedonali giudicati "insufficienti" sono quattro, tre a Mendrisio - in zona San Giovanni, a Largo Mario Soldini intersezione via Luigi Lavizzari e in via Alfonso Turconi all'altezza dell'Ospedale Beata Vergine e uno a Vacallo, in via Generale Guisan in zona San Simone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS