Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CITTÀ DEL VATICANO - I preti pedofili dovranno rispondere dei loro abusi "davanti a Dio onnipotente, come pure davanti a tribunali debitamente costituiti". Lo afferma Papa Benedetto XVI nella sua Lettera pastorale ai cattolici d'Irlanda, diffusa stamani, rivolgendosi direttamente "ai sacerdoti e ai religiosi che hanno abusato dei ragazzi".
Benedetto XVI ha accusato i sacerdoti e i religiosi che hanno compiuto abusi di aver causato alle vittime "un danno immenso" e di aver perpetrato "un grande danno" alla Chiesa e "alla pubblica percezione del sacerdozio e della vita religiosa".
Rivolgendosi alle vittime e alle loro famiglie, Benedetto XVI scrive: "avete sofferto tremendamente e io ne sono veramente dispiaciuto. So che nulla può cancellare il male che avete sopportato". A nome della Chiesa, aggiunge il Papa, "esprimo apertamente la vergogna e il rimorso che tutti proviamo".
Di fronte alla "gravità" delle colpe relative agli abusi sessuali sui minori c'è stata in Irlanda una "risposta spesso inadeguata" "da parte delle autorità ecclesiastiche", afferma ancora Benedetto XVI nella sua Lettera pastorale. "Si deve ammettere che furono commessi gravi errori di giudizio - scrive il Papa nella sezione dedicata ai "fratelli vescovi" - e che si sono verificate mancanze di governo".
"È doveroso - aggiunge il Pontefice - che le norme della Chiesa in Irlanda per la tutela dei ragazzi siano costantemente riviste ed aggiornate e che siano applicate in modo pieno ed imparziale in conformità con il diritto canonico".
Secondo Benedetto XVI, "soltanto un'azione decisa portata avanti con piena onestà e trasparenza potranno ripristinare il rispetto e il benvolere degli Irlandesi verso la Chiesa alla quale abbiamo consacrato la nostra vita". Ciò deve scaturire, prima di tutto, aggiunge, "dal vostro esame di voi stessi, dalla purificazione interiore e dal rinnovamento spirituale".
Nella sua Lettera pastorale Benedetto XVI annuncia anche che indirà "una Visita Apostolica in alcune diocesi dell'Irlanda, come pure ins eminari e congregazioni religiose". La visita, che dovrebbe essere compiuta da un suo incaricato, "si propone di aiutare la Chiesa locale - scrive il Papa - nel suo cammino di rinnovamento e sarà stabilita in cooperazione con i competenti uffici della Curia Romana e la Conferenza episcopale irlandese".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS