Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CITTÀ DEL VATICANO - Non delega solo al cardinale segretario di Stato di recepire i risultati dell'inchiesta sui Legionari di Cristo, ma partecipa alle consultazioni in prima persona. Benedetto XVI - in un incontro a sorpresa - ha ricevuto stamane i cinque "visitatori" apostolici che hanno indagato negli scorsi mesi sulla Congregazione travolta dagli scandali del suo fondatore, Marcial Maciel Degollado (1920-2008), colpevole di abusi sessuali su minori e di una doppia vita, con almeno due mogli e tre figli.
Benedetto XVI, sulla base dei rapporto dei suoi ispettori, dovrà decidere che misure prendere per purificare l'ordine. Una delle ipotesi più probabili è quella del commissariamento, anche se i più duri vorrebbero un azzeramento dei vertici, o addirittura uno scioglimento della Legione.
Oggi era in programma l'incontro dei visitatori col segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone, al quale si è aggiunta l'inaspettata udienza con Benedetto XVI, segno della particolare attenzione che il Pontefice riserva a questo dossier e della delicatezza che riveste nell'ambito dello scandalo pedofilia che ha scosso la Chiesa a livello globale. Le consultazioni continueranno anche domani e al termine la Santa Sede dovrebbe diffondere un comunicato sui lavori.
Nei giorni scorsi un portavoce vaticano aveva precisato che dalle riunioni in corso, in cui i visitatori presentano rapporti e proposte, "non sono da attendersi decisioni particolari". "Queste - aveva detto - saranno prese in un secondo tempo dal Santo Padre, dopo studio e riflessione sulle risultanze della Visita".

SDA-ATS