Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

NEW YORK - Man mano che lo scandalo dei preti pedofili cresce nel mondo, cala la fiducia degli americani, e anche dei cattolici, nell'operato di papa Benedetto XVI: solo il 27% dei cattolici Usa (contro il 40% dell'aprile 2006) ha un'opinione positiva dell'operato dell'attuale pontefice mentre cresce dall'1% all'11% il numero dei cattolici che ne ha un'opinione negativa: lo dice un sondaggio dell'emittente statunitense Cbs, secondo cui fra tutti gli americani il 15% (+1% in quattro anni) ha un'opinione positiva del papa, mentre si impenna dal 4% al 24% la quota di americani di tutte le confessioni che ne ha un'opinione negativa.
Quando si passa nello specifico a come papa Benedetto XVI ha reagito allo scandalo pedofilia, secondo la Cbs, fra i cattolici statunitensi solo il 20% sostiene che il papa abbia fatto i passi giusti, mentre il 55% pensa che non abbia agito bene e un 20% si dichiara indeciso. Fra gli americani nel loro complesso, coloro che pensano che il papa stia facendo bene nel gestire lo scandalo sono solo il 18% contro il 69% che ha un'opinione negativa e il 13% di indecisi.
Il sondaggio, condotto telefonicamente su un campione di 850 persone, mostra che in quattro anni la fiducia generale dei cattolici americani in Benedetto XVI, sull'onda dello scandalo pedofilia, è calata di 13 punti, mentre è aumentata dal 15% al 35% la percentuale dei cattolici indecisi ed è crollata dal 39 al 19% quella dei cattolici che afferma di saperne poco e di conseguenza di non essersi fatta un'opinione precisa. Fra gli americani di tutte le confessioni religiose, gli indecisi sono il 26%, coloro che dichiarano di saperne poco il 31% (erano il 59% quattro anni fa).

SDA-ATS