Navigation

Pelosi ordina l'impeachment di Trump, 'abuso di potere'

La speaker della Camera, Nancy Pelosi KEYSTONE/AP/J. SCOTT APPLEWHITE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 dicembre 2019 - 21:52
(Keystone-ATS)

La speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, accelera e ordina di procedere con gli articoli dell'impeachment contro il presidente degli Stati Uniti Donald Trump per l'Ucrainagate, spianando la strada al voto in aula entro Natale.

"È in gioco la nostra democrazia. In America nessuno è sopra la legge. Il presidente non ci lascia altra scelta perché sta tentando di corrompere nuovamente le elezioni a suo vantaggio", ha scandito solennemente in un discorso formale di sei minuti a Capitol Hill, con uno sfondo patriottico di bandiere a stelle e strisce.

"I fatti - ha incalzato Pelosi dopo essersi richiamata ai padri fondatori - sono incontestabili: Trump ha abusato dei suoi poteri per un suo beneficio politico a spese della nostra sicurezza nazionale, bloccando gli aiuti militari e un invito alla Casa Bianca (al presidente ucraino, ndr) in cambio dell'annuncio di un'indagine su un suo rivale politico", ossia Joe Biden, frontrunner dei democratici nella corsa alla Casa Bianca. "Una grave violazione della costituzione" che a suo avviso è stata confermata "senza dubbi" dai costituzionalisti sentiti ieri nella prima udienza della commissione Giustizia della Camera, che ora ha fissato una nuova udienza lunedì per la presentazione delle prove.

Entro la fine della prossima settimana, forse giovedì, potrebbero essere votati gli articoli, poi ci sarà il voto finale della Camera, probabilmente entro Natale. I capi di imputazione evocati sinora sono abuso di potere, ostruzione del Congresso e della giustizia, ma Pelosi è stata evasiva sulla possibilità che siano incluse anche accuse legate al Russiagate.

Poco prima del suo intervento, Trump aveva accusato i democratici di voler trasformare l'impeachment in un'arma "di routine" contro i futuri presidenti e li aveva sfidati a fare in fretta per "avere un processo giusto in Senato", dove "avremo Schiff (il presidente della commissione Intelligence della Camera, ndr), i Biden, Pelosi e molti altri a testimoniare. E riveleremo, per la prima volta, quanto corrotto è il nostro sistema".

Tweet che rivelano la sua strategia: boicottare il processo alla Camera, dove i democratici hanno la maggioranza, e usare il Senato, controllato dai repubblicani "più uniti che mai", non solo per "vincere" con un'assoluzione ma anche per fare un contro processo. In particolare a Joe Biden e a suo figlio Hunter, da lui accusati di corruzione per le loro attività in Ucraina. Ma l'ex vicepresidente ha già fatto sapere che non si presenterà spontaneamente, ovvero senza ricevere un mandato di comparizione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.