Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto oggi il ricorso presentato dal condannato a morte Troy Davis aprendo la strada ad una esecuzione del detenuto.

Davis è un afro-americano di 41 anni condannato a morte venti anni fa per l'uccisione di un poliziotto bianco. L'arma del delitto non è mai stata trovata e sul luogo del crimine non sono state trovate impronte digitali o campioni DNA riconducibili a Davis, che si proclama innocente.

La Corte Suprema aveva ordinato nell'agosto 2009 ad un tribunale federale di esaminare i nuovi elementi presentati dalla difesa del condannato a morte. Le udienze avvenute nel giugno 2010 avevano visto la difesa presentare quattro testimoni che avevano corretto le affermazioni precedenti che incriminavano Davis. Ma il giudice federale William Moore aveva ritenuto che i nuovi elementi non fossero sufficienti per dimostrare la innocenza del condannato a morte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS