Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo Zugo, anche Svitto minaccia di ricorrere al referendum cantonale se il parlamento federale non ridurrà l'onere che i cantoni "forti" devono versare nell'ambito della perequazione finanziaria. Il Gran Consiglio ha preso oggi una decisione in tal senso.

Con 91 voti contro 1 i deputati hanno approvato due mozioni - una del PLR, l'altra dell'UDC - che chiedono al Consiglio di Stato di promuovere il referendum cantonale contro l'adeguamento della Nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e Cantoni (NPC), sulla quale le Camere federali dovrebbero pronunciarsi definitivamente nella sessione di giugno. Il governo cantonale si è già detto favorevole.

Consiglio di Stato e parlamento svittesi ritengono che la NPC sia la principale causa dei disavanzi crescenti del bilancio cantonale: il consuntivo 2014 ha chiuso con un deficit primato di 211 milioni di franchi. Dalla sua introduzione nel 2008 i versamenti del Cantone sono saliti da 44,7 milioni a 161,8 milioni.

Il Consiglio federale propone di ridurre fra il 2016 e il 2019 il contributo dei cantoni più ricchi, che verrebbero a versare annualmente 134 milioni di franchi in meno (su un totale di 1,47 miliardi) a quelli deboli, mentre la Confederazione verserebbe 196 milioni in meno (su 2,15 miliardi).

Il Governo, e anche il Consiglio nazionale, vanno nella direzione dei Cantoni finanziariamente forti, ma il Consiglio degli Stati si è già rifiutato due volte di alleggerire il loro carico. Nella sessione estiva sarà verosimilmente necessaria una conferenza di conciliazione tra le due Camere.

Se il risultato apparirà deludente per i cantoni donatori, Svitto lancerà il referendum cantonale. Nello stesso senso si è già espresso il 30 aprile anche il Gran Consiglio di Zugo, che con 67 voti contro 8 ha accettato una mozione del gruppo PLR.

Affinché il popolo svizzero si pronunci sulla perequazione, l'eventuale referendum cantonale dovrebbe essere sostenuto da otto cantoni. Attualmente sono in nove a versare denaro agli altri: a Svitto e Zugo si aggiungono Zurigo, Ginevra, Basilea Città, Basilea Campagna, Vaud, Nidvaldo e Sciaffusa.

Se dovesse concretizzarsi, si tratterebbe del secondo referendum dei cantoni dal 1874. Il precedente risale al 2003, quando 11 cantoni si allearono - vincendo - contro un pacchetto fiscale della Confederazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS